• : preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/digiovin/public_html/luceramultimedia/includes/unicode.inc on line 311.
  • : preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/digiovin/public_html/luceramultimedia/includes/unicode.inc on line 311.
  • : preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /home/digiovin/public_html/luceramultimedia/includes/unicode.inc on line 311.

Il mio sito è la mia città

Carlos Castaneda diceva che nel prendere una qualsiasi iniziativa bisogna sapersi porre una sola domanda: «questa via ha un cuore?». Se lo ha è buona, se non lo ha non porta da nessuna parte. Il concetto del cuore che ha sempre ragione, dovuto all’umanista Erasmo da Rotterdam e fatto proprio anche da una campagna pubblicitaria di una nota Casa automobilistica italiana, vuole che a volte il cuore diviene unità di misura imprescindibile più di qualsiasi altra analisi.
Nell’Elogio della follia Erasmo divide il mondo in due: da una parte quanti decidono di vivere pienamente la propria esistenza, lasciandosi guidare dalle emozioni e dalla passionalità; dall’altra chi non trova il coraggio di lasciarsi andare ai propri sentimenti e seguire la sfera emotiva che ha dentro di sé. E’ evidente che ciò non rappresenta una negazione della razionalità, ma è semplicemente la constatazione che il cuore “ci vede meglio”, arriva a capire e a vedere quanto accade prima della mente, probabilmente grazie ad una sorta di irrazionale contatto con la natura.
Questo motivo è alla base della lunga maturazione di Luceramultimedia, un’opera concepita nell’ormai lontano 1996. Un desiderio, quindi un’idea, che prima ancora di essere un progetto multimediale è un progetto editoriale. In essa sono le vie del cuore che portano l’intelligenza, la curiosità, la sensualità, oltre la semplice opportunità, oltre il progetto
rigoroso. Un impegno ispirato non tanto da legittimo “campanilismo”, ma dalle intramontabili emozioni suggerite da una città dalla storia millenaria, con i suoi luoghi dell’arte e della cultura. Solo la soddisfazione di vedere realizzato un sogno, che diventa poi un’esigenza:
cercare di entrare a contatto con l’intima essenza di un territorio; cercare una parola e trovare una qualche risposta, un significato, uno spunto per ulteriori approfondimenti.
Era Barnett Newman a dire che un artista dipinge per avere il piacere di guardare qualcosa. Ebbene, è il caso di dire che anche un editore, tradizionale o multimediale, alla fine realizza solo quello che vorrebbe leggere, delegando ad altri il come e il perché.
Queste, dunque, le valutazioni alla base di Luceramultimedia, un progetto che ha vissuto e vive ancora alti e bassi, momenti di sconforto e di entusiasmo; nulla più che un irrazionale tributo d’amore.

Massimiliano Monaco